how to make your own site

DECRETO DIGNITA'

Cosa cambia per il tempo determinato dopo la conversione?
D.L. n.87/2018 convertito dalla L.96/2018

22 febbraio 2019
Mobirise
Regime transitorio

La legge n.96/2018 che ha convertito il D.L. 87/2018 (c.d. Decreto Dignità), ha introdotto un periodo transitorio per il nuovo regime del tempo determinato il quale ci pone nelle condizioni di avere 4 diverse casistiche:

 1. contratti stipulati entro il 13/07/2018: continuano ad essere disciplinati dalla vecchia normativa (5 proroghe, 36 mesi ed acausali); 

2. contratti stipulati dal 14/07/2018 al 11/08/2018: si applica la nuova disciplina; 

3. contratti rinnovati o prorogati tra il 12/08/2018 ed il 31/10/2018: continuano ad essere disciplinati dalla vecchia normativa; 

4. contratti rinnovati o prorogati dal 01/11/2018: si applica la nuova disciplina.

Regime ordinario
  • Il lavoro a termine non può avere una durata superiore a 24 mesi. In caso di superamento, sia esso causato da un unico contratto o da una successione, il contratto si trasforma a tempo indeterminato dalla data di tale superamento.
  • Solo nel caso in cui non superi i 12 mesi (comprensivo di eventuali proroghe) non sarà necessaria la casule, diversamente (e quindi da 13 a 24 mesi anche raggiunti con proroghe) sarà possibile ricorrere al tempo determinato solo se ricorra una delle seguenti condizioni: a) esigenze temporanee e oggettive, estranee all’ordinaria attività (es.calamità naturali) b) per esigenze sostitutive di altri lavoratori; c) esigenze connesse a incrementi temporanei, significativi e non programmabili dell’attività ordinaria.
  • In ogni caso non sarà possibile alcun rinnovo (a prescindere dalla durata) se non ricorra una delle condizioni di cui sopra.
  • Un contratto a termine senza causale che supera il limite dei 12 mesi, si trasforma a tempo indeterminato a partire da tale data.
  • Il numero di proroghe disponibile scende a 4 nell'arco dei 24 mesi. Qualora il numero di proroghe sia superiore, il contratto si trasforma a tempo indeterminato dalla data di decorrenza della quinta proroga.
  • Il contributo addizionale per il tempo determinato pari al 1,40% è aumentato di 0,5 punti percentuali in occasione di ciascun rinnovo del contratto a tempo determinato, anche in somministrazione (escluso il lavoro domestico).
  • I contratti a termine per attività stagionali (che sono quelle previste dal DPR n. 1525/1963 e dalla contrattazione collettiva) possono essere stipulati senza causali.
  • I contratti a termine ed in somministrazione non potranno eccedere il 30 percento del numero dei lavoratori a tempo indeterminato in forza presso l’utilizzatore al primo gennaio dell’anno di stipula del predetto contratto, con un arrotondamento del decimale all’unità superiore qualora esso sia eguale o superiore a 0,5.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

SEGUICI!


Le informazioni contenute nel sito hanno carattere unicamente informativo.  Le stesse dovranno essere oggetto di approfondita disamina con il professionista di riferimento ed in ogni caso Studio ERBETTA non è responsabile per qualsiasi danno o problema causato da questo servizio.

Novara

Viale Giulio Cesare, 199
28100 Novara (NO)
Tel. 0321459506
Tel. 0321491105
Fax 0321491106

dal Lunedì al Venerdì
dalle ore 08:30 alle ore 17:30

Sizzano

Via Carlo Giroldi, 29
28070 Sizzano (NO)
Tel. 0321 810006



tutti i Mercoledì
dalle ore 15:00 alle ore 19:00

Il sito rappresenta uno strumento per fornire informazioni sull'attività professionale esercitata, secondo correttezza e verità, nel rispetto della dignità e del decoro della professione e degli obblighi di segretezza e di riservatezza ed è, quindi, conforme al dettato del nuovo art.13 del Codice Deontologico dei Consulenti del Lavoro come approvato dal Consiglio Nazionale Consulenti del Lavoro in data 30/31 marzo 2000.